COMMERCIO. CAVALLARI: COMUNE ROMA RICONOSCA VALORE STORICO URTISTI

Roma, 31 mag. – “Apprendo che l’assessore al Commercio del Comune di Roma, Carlo Cafarotti, lancia una proposta per l’apertura di attivita’ commerciali e artigianali qualificate nel centro storico della Capitale. A Roma esistono ben 115 ‘urtisti’, ovvero operatori titolati, da oltre un secolo attraverso regolari licenze, a vendere souvenir nelle aree di pregio e turistiche della citta’: Cafarotti ha l’obbligo di ripartire da loro, cuore storico capitolino, per rilanciare lo sviluppo della citta’. La storicita’ di questi lavoratori va riconosciuta e tutelata dal Campidoglio una volta per tutte, perche’ questo prevede la legge.
Lo scorso autunno l’aula della Pisana ha votato, a grande maggioranza, il mio emendamento al Collegato al Bilancio che prevede espressamente il riconoscimento della categoria come patrimonio storico della citta’. Eppure il Campidoglio continua a fare orecchie da mercante, bistratta la categoria e lancia idee commerciali fantasiose. A Cafarotti ribadisco che non mollero’ di un centimetro su questa battaglia perche’ agli urtisti venga riconosciuto il diritto di lavorare sui monumenti di Roma e di rientrare al Colosseo, come e’ stato per oltre un secolo. Dalla Regione Lazio continuero’ la mia battaglia anche in vista del Testo Unico del Commercio in fase di realizzazione dove sono impegnato, in prima persona, nella tutela massima degli urtisti e del comparto ambulante, con ferreo rispetto delle localizzazioni delle soste e del principio di equivalenza su cui non si tratta”.
Cosi’ in un comunicato il consigliere della Regione Lazio, Enrico Cavallari (Udc).

Lascia un commento